Ultime News

Text Scroller accessibile

Ciao sei arrivato sul blog di RADIO TIGULLIO WEB, Una Radio per AMICI..... Disclaimer: Questo blog non rappresenta una testata giornalistica in quanto viene aggiornato senza nessuna periodicità. Non può pertanto considerarsi un prodotto editoriale ai sensi della legge n. 62 del 7.03.2001. L'autore, inoltre, non ha alcuna responsabilità per quanto riguarda i siti ai quali è possibile accedere tramite i collegamenti posti all'interno del sito stesso, forniti come semplice servizio agli utenti della rete. Il fatto che blog fornisca questi collegamenti non implica l'approvazione dei siti stessi, sulla cui qualità, contenuti e grafica è declinata ogni responsabilità.

martedì 22 maggio 2012

‘The Blues Brothers’: al cinema per i 30 anni dalla scomparsa di Belushi

Il 20 e 21 giugno verrà proiettata in tutte le sale cinematografiche del Mondo la versione restaurata di “The Blues Brothers”, pellicola interpretata da John Belushi e Dan Aykroyd. L’occasione per vedere i fratelli Jake ed Elwood Blues al cinema coincide con i trent’anni dalla scomparsa di Belushi, morto a causa di un mix di alcool e droga nel 1982. Tanti gli artisti che hanno preso parte al film: James Brown (il reverendo Cleophus), Ray Charles (il proprietario del negozio di strumenti), Aretha Franklin, Matt Murphy, SteveCropper, Tom Malone, Lou Marini, John Lee Hooker, Twiggy Lawson, Carrie Fisher e persino Steven Spielberg nel ruolo dell’impiegato delle imposte. Il film, prodotto dalla Universal Picture, che quest’anno festeggia i suoi cento anni, sarà disponibile nelle sale presenti nella lista a questo indirizzo. John Belushi e Dan Aykroyd, attori e cabarettisti in forza al Saturday Night Live, ma prima ancora innamorati senza speranza del blues e delle sue atmosfere, danno vita alla band dei Blues Brothers del 1977. Partiti quasi per scherzo, i Blues Brothers di Jake & Elwood (i nomi di battaglia che i due si sono scelti per tenere fede a dei personaggi) finiscono per diventare uno dei più importanti successi commerciali in circolazione, rivitalizzando un genere un po’ in flessione come il blues.

Nessun commento:

Posta un commento