Ultime News

Text Scroller accessibile

Ciao sei arrivato sul blog di RADIO TIGULLIO WEB, Una Radio per AMICI..... Disclaimer: Questo blog non rappresenta una testata giornalistica in quanto viene aggiornato senza nessuna periodicità. Non può pertanto considerarsi un prodotto editoriale ai sensi della legge n. 62 del 7.03.2001. L'autore, inoltre, non ha alcuna responsabilità per quanto riguarda i siti ai quali è possibile accedere tramite i collegamenti posti all'interno del sito stesso, forniti come semplice servizio agli utenti della rete. Il fatto che blog fornisca questi collegamenti non implica l'approvazione dei siti stessi, sulla cui qualità, contenuti e grafica è declinata ogni responsabilità.

martedì 12 marzo 2013

Nuova Uscita :Renato Zero con "Amo" 14 canzoni nuove inedite


Alla fine si riparte sempre dal Piper, la culla dei sogni e dei desideri realizzati. Girata la boa dei Sessanta, Renato Zero è ben lontano dal demordere, e con un guizzo d’orgoglio sceglie il locale storico romano dove le sue ambizioni presero forma. Raccoglie intorno a sé Lilli la vecchia portiera e Brunetto che fu primo ballerino di Rita Pavone, per raccontare «Amo», album uscito il 12 marzo che è come un romanzo in ben 14 canzoni-capitoli: passioni, ritratti, riflessioni, ricordi, rampogne e prediche ai connazionali scorrono sontuosamente registrati in vari luoghi e con varie formazioni musicali da ben tre produttori (Trevor Horn, Celso Valli, e Danilo Madonia), cosa non frequente nel nostro piccolo mondo antico. Da quando s’è messo in proprio, Renatino si fa dei regali di lusso: la copertina dell’album ha la ceralacca, ma il più grande auto-dono sarà certo stato Trevor Horn, celebrato bassista e producer tra gli altri di Genesis e McCartney. Se lo è portato fino al Piper, con l’altra star della chitarra Phil Palmer e un corpo di ballo di 14 elementi, per uno show-vetrina dell’opera.  
Trevor Horn ha lavorato sulla parte meno prevedibile dell’album, a partire da un singolo un po’ così, quel «Chiedi di me» che fa da civetta con le sue atmosfere da musical Anni ‘70 e rivela soprattutto la fantasia creativa di Horn. Fin da qui, nei testi Zero si ripropone come consigliere e istigatore di sicurezze e piccoli ardimenti personali. Poi parte il treno delle melodie, e anche dell’autocelebrazione: «Una canzone da cantare avrai» è come un abbecedario del suo mondo, dove ricorda gli esordi tribolati, le certezze del presente («Mi fa bene osservare la vita passare/Apprezzando e godendo ogni cosa che ho») e persino i suoi trucchi creativi («Segno tutto/Ogni lacrima o movimento... e quando manca atmosfera invento»).  
Un brano assai ascoltato, con la chitarra acustica killer di Palmer e lieve melodia contagiosa, sarà «Il nostro mondo», uno di quegli appelli ai buoni sentimenti che gli riescono bene nella sua grandeur. Ma si rincorrono altre scelte felici: «Un’apertura d’ali», elegia inedita dello scomparso Bigazzi dall’elegante arrangiamento di Celso Valli, cantata con misurato trasporto. Musiche di tradizione, ché questo (malgrado le bandiere di trasgressione) è poi il suo mondo vero. Come un pezzo di musical, con tanto di coro, suona la divertente «Dovremmo imparare a vivere», che canta il carattere italiano e i suoi vizi eterni («Raccomandato fottiti/Ritorna a casa tua»). Sorcinesco l’inevitabile parere sul caso Grillo: «Gli esempi mancano in questo Paese, sono sempre mancati e ora per interpretare la tanta disperazione può anche arrivare un clown, checché ne dicano i tedeschi che c’hanno fatto solo piagne. Grillo è un vento favorevole, qualcuno che scherzando e ridendo ci ha dimostrato come per certi ruderi sia tempo di andare a casa».  
Nel capitolo ritratti, ecco «Angelina», la portinaia che fu una specie di palo alle sue ansie giovanili, e «Lu» dedicata a Lucio Dalla, appena cantata a Bologna: «Lo conobbi alla RCA su un’ascensore con Melis, aveva un’arancia in testa. Dicevano che era un genio. Per me un fratello. Volevo incontrare uno così, e quando ho scoperto che c’era è stata vittoria».  
Quel «Capitolo 1» scritto sotto al titolo «Amo» sta intanto a mostrare che c’è un prossimo volume pronto, con tra l’altro inediti di Trovajoli. Renatino ad appendere le scarpe al chiodo non pensa, ha anche rifiutato il ruolo di coach a The Voice: l’appuntamento live è ora per almeno 15 concerti al Palalottomatica di Roma, dal 27 aprile. Farà il resident artist a casa sua, come Cèline a Las Vegas. I biglietti sono in vendita.  

Nessun commento:

Posta un commento